LiberaRete – Sintesi attività 2010-2011

 SINTESI DELL’ATTIVITA’ SVOLTA

2010-2011

 L’Logo quadrato dell'Associazione di promozione sociale LiberaReteAssociazione LiberaRete, secondo il proprio statuto e le proprie finalità, agisce sia attraverso l’azione diretta dei suoi associati sia attraverso la divulgazione dei contenuti di informazione, video e non solo, da essi realizzati. In questo modo, LiberaRete ha partecipato a molte iniziative culturali, politiche e sociali che hanno attraversato l’Italia in questi anni. Gran parte della documentazione sulla attività svolta ed i contenuti realizzati si trovano sul sito www.liberarete.org e su  www.libera.tv (la webtv di cui LiberaRete gestisce l’home page)

Per ragioni di economia ne elenchiamo solo le principali:

– Nel maggio 2010 LiberaRete ha partecipato agli eventi connessi alla Marcia Per la Pace Perugia/Assisi 2010 contribuendo alla realizzazione di un canale webtv dedicato (www.perlapace.tv) che ha documentato nel corso di alcuni giorni sia gli eventi preparatori e seminariali che l’iniziativa vera e propria.

– LiberaRete ha sviluppato, accanto alla comunicazione principale contenuta nella  home page, uno specifico canale su Libera.tv dedicato alle tematiche di genere dove hanno trovato spazio inchieste e servizi sulla condizione femminile.

– Nel giugno 2010 LiberaRete ha aderito alla mobilitazione indetta dalla Associazione Nazionale della Stampa contro il cosiddetto “decreto intercettazioni” che si è conclusa con la manifestazione nazionale a Piazza Navona del 1 luglio.  LiberaRete, tramite Libera.tv, è stata tra le associazioni promotrici dell’appello “ la Rete contro il bavaglio” insieme ad associazioni del giornalismo partecipativo come Lettera 22, Articolo 21, Amisnet e molti altri siti e testate on-line.

La manifestazione del 1 luglio è stata trasmessa in diretta web anche da Libera.tv nell’ambito dell’evento “ Libera Rete” promosso dalla Federazione delle Micro Web Tv Italiane (FEMI).

– Dal luglio 2010 LiberaRete, anche in collaborazione con Casemattemediacrew, si è impegnata a dare voce alle richieste dei cittadini dell’Aquila colpiti dal terremoto.

– Dal settembre 2010 LiberaRete ha seguito le manifestazioni del personale precario della scuola, dell’università e della ricerca in difesa del diritto al sapere.

– Nell’ottobre 2010 LiberaRete ha promosso, sempre tramite Libera.tv l’appello “facciamo rete con la FIOM” che ha visto l’adesione di decine di siti di informazione, di blog, di pagine facebook in sostegno della manifestazione nazionale per la democrazia sui luoghi di lavoro indetta dalla organizzazione dei lavoratori metalmeccanici della CGIL.

– Tra il marzo ed il giugno 2011 LiberaRete ha partecipato alla campagna di denuncia degli abusi edilizi perpetuati presso la Basilica di San Paolo a Roma

– Nel marzo 2011 LiberaRete ha partecipato e documentato attraverso Libera.tv la campagna “ Se non ora quando” per la dignità delle donne

– Nel marzo 2011 ha partecipato al “Premio Chiarini” dedicato alla solidarietà con il popolo palestinese organizzato dal Comitato per non dimenticare Sabra e Chatila

– LiberaRete ha documentato e partecipato alle mobilitazioni a difesa della Costituzione che si sono tenute nel marzo 2011

– Ha denunciato i pericoli della energia nucleare dopo l’esplosione della centrale di Fukushima in Giappone

– Nel aprile 2011 LiberaRete ha denunciato la parzialità della informazione sulla guerra in Libia ed ha partecipato alle mobilitazioni contro quel conflitto tra l’altro dando informazione sulla manifestazione organizzata da Emergency

– Sempre nell’aprile 2011 ha organizzato insieme ad altre 30 testate giornalistiche sia tradizionali che web l’incontro “Comunicare le lotte” sul nesso tra libertà dell’informazione e conflitto sociale.

– Ha dato spazio su Libera.tv al comitato “ vota Sì per fermare il Nucleare” ed alla campagna referendaria per l’acqua pubblica.

– nel maggio 2011 ha organizzato il dibattito “ Informazione e Potere” che ha visto insieme il Presidente della Associazione nazionale della Stampa Roberto Natale, il Presidente del Comitato Centrale FIOM Giorgio Cremasci ed il giornalista Ennio Remondino.

– Nel giugno 2011 ha partecipato alla divulgazione dei contenuti dell’Europride 2011 in collaborazione con Arcigay. Nella lotta contro le discriminazioni ha documentato e diffuso i contenuti della “Giornata mondiale contro l’omofobia”.

– Nel luglio 2011 ha denunciato con interviste l’attacco alla libertà della rete derivanti da  interventi legislativi e da nuove norme decise dall’AGCOM

– E’ stata presente alle manifestazioni in occasione dei 10 anni dei fatti di Genova raccontando storia e presente dei Social Forum.

– Ha cooperato con le associazioni che si occupano di immigrazione nella denuncia della situazione all’interno dei CIE ed a Lampedusa

– Durante l’agosto 2011 ha indagato i contenuti delle forze della sinistra in Europa intervistando i convenuti alla prima “Università della Sinistra Europea” che si è tenuta nella città di Foligno

– Insieme all’Unione Inquilini ha partecipato alla campagna per la denuncia e la regolarizzazione dei contratti di affitto “in nero”

– nel settembre 2011 ha aderito alla campagna “il treno delle donne per la Costituzione” ed ha documentato l’iniziativa che ha ottenuto anche un incontro con la Presidenza della Repubblica

– LiberaRete ha partecipato alla Marcia Perugia Assisi 2011 anche rilanciandone appelli e contenuti.

– il 1 ottobre 2011 ha partecipato alla assemblea “ Noi il debito non lo paghiamo” per denunciare l’origine e le conseguenze della crisi finanziaria. LiberaRete è intervenuta in quel consesso per sottolineare l’importanza delle iniziative in difesa della libertà di internet e della informazione dal basso.

– LiberaRete ha partecipato alla manifestazione nazionale dei 15 ottobre 2011 rilanciandone i contenuti e denunciando le azioni violente che ne hanno compromesso l’esito.

– nell’ottobre 2011 insieme all’Associazione Puntocritico Onlus ha organizzato il Premio Marenostrum per la cultura migrante ed in particolare la sezione video dello stesso. Al premio hanno partecipato anche lo scrittore Camilleri e la dirigente dell’ONU – UNCHR Boldrini.

Questo elenco costituisce solo una parte dell’attività associativa fin qui sviluppata secondo un metodo sempre basato sulla ricerca di partnerschip, della condivisione, della partecipazione.